Ultime notizie

Home / news

Edicole e librerie: incontro a Lecco con l’Assessore al Commercio della Lombardia, Guido Guidesi

03 Giugno 2024

Confcommercio Lecco ha organizzato lo scorso 29 aprile un interessante tavolo tecnico-operativo per approfondire le problematiche legate al mondo delle librerie e delle edicole al quale hanno preso parte l’Assessore regionale allo Sviluppo Economico della Lombardia, Guido Guidesi, e il Sottosegretario con delega all’Autonomia e ai Rapporti con il Consiglio regionale, Mauro Piazza.

All’incontro – che si è svolto presso Peregolibri di Barzanò – hanno partecipato per il mondo delle edicole il Delegato SNAG Nazionale (Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai), avvocato Dario De Vitofranceschi, e per il mondo delle librerie il Vice Presidente Nazionale di Ali Confcommercio (Associazione Italiana Librerie), Edo Scioscia (uno dei soci fondatore de Il Libraccio).

Nuovi strumenti e più sostegni per i negozi di vicinato

“Come associazione - ha detto il Direttore di Confcommercio Lecco, Alberto Riva, aprendo i lavori - rappresentiamo tre macro-settori: commercio, turismo e servizi. Se gli ultimi due negli ultimi anni sono andati mediamente bene, il commercio al dettaglio ha fatto più fatica e ha avuto un andamento a macchia di leopardo”.

“Alla Regione - a cui riconosciamo la bontà di diversi interventi come quelli sui distretti del commercio o sui negozi storici - chiediamo di ampliare gli strumenti a disposizione del commercio, individuando insieme strade nuove e innovative che tengano conto anche delle novità che interessano i consumatori. Noi siamo pronti a dare il nostro contributo per arrivare a sostenere al meglio i negozi di vicinato”.

SNAG: serve una “tutela rafforzata per le edicole”

Dario De Vito Franceschi (Snag nazionale) ha sottolineato che “il cartaceo è ancora vivo nonostante le previsioni dicessero il contrario: oggi secondo Audicom-Audipress si vendono 1.2 milioni di copie cartacee di quotidiani e 200mila copie digitali. E anche le abitudini di lettura mostrano un 70% di lettori su carta”.

Per questo motivo, ha spiegato il delegato di SNAG, “la rete di vendita delle edicole è una rete strategica per la diffusione dell’informazione e per la tutela del pluralismo ed è certamente una rete ad “alto valore culturale”. Tuttavia tale rete sta fronteggiando una profonda crisi cui bisogna cercare di porre rimedio: il 26% dei Comuni italiani non ha un’edicola e il 31% ne ha uno solo quindi è potenzialmente a rischio. La rete di vendita svolge un ruolo strategico insostituibile e merita una sorta di “tutela rafforzata” per mantenere la propria capillarità”.

Ali: bene il tax credit librerie

Edo Scioscia (vicepresidente Ali) ha affrontato il tema del tax credit per le librerie, chiedendo il rilancio del bando per le biblioteche (che consente l’acquisto di libri dalle librerie) ed esprimendo forti perplessità sulla Carta Cultura che ha preso il posto di App18.

Alla Regione Lombardia ha formulato una richiesta specifica: l’azzeramento (o quantomeno l’inglobamento nelle risorse messe a disposizione del provvedimento) della percentuale riconosciuta ad Edenred sull’accreditamento dei Buoni Dote Scolastica da parte delle imprese. Una percentuale che attualmente è al 2,50%, 4-5 volte superiore ai costi delle commissioni per carte credito.

Apertura di un dialogo con Regione Lombardia

Di fronte a queste molteplici sollecitazioni, l’Assessore Guidesi ha risposto in modo ampio, toccando i numerosi punti sia sul fronte delle edicole che sui quello delle cartolibrerie e offrendo una disponibilità di massima a proseguire il dialogo.

All’incontro hanno partecipato anche il Presidente Gruppo Cartolibrerie Confcommercio Lecco, Andrea Perego (padrone di casa, essendo titolare insieme alla sorella Marta di Peregolibri), il Presidente SNAG Confcommercio Lecco, Michele Preda, il distributore locale di Quotidiani e Periodici per le province di Lecco-Como-Sondrio, Franco Comuzzi, la Vicepresidente del Gruppo Cartolibrerie Confcommercio Lecco, Anna Regazzoni e il capofila della filiera Editoria Lecco, Eugenio Milani.

A Novara il canone del suolo pubblica scende dell’80%

30 Maggio 2024

A Novara il canone di occupazione del suolo pubblico per le edicole subirà una riduzione dell’80 per cento. Lo ha stabilito una delibera comunale in cui si precisa che la riduzione è “permanente”, e si inserisce “nell’ambito del più ampio progetto di sostegno a tali tipologie di attività, che da tempo
subiscono una fase congiunturale negativa”.

Come ha spiegato in Consiglio comunale l’assessore al Bilancio Silvana Moscatelli, “in considerazione delle grosse difficoltà evidenziate più volte con i rappresentanti di questa categoria, l’amministrazione ritiene opportuno intervenire per sostenere l’attività degli edicolanti”.

Fondamentale, per l’approvazione della delibera, l’azione di SNAG nel sensibilizzare l’amministrazione comunale sulla situazione delle rivendite della stampa.

All’interno del Consiglio comunale la Consigliera del Pd Emanuela Allegra ha tuttavia fatto notare che la stessa maggioranza non condivise un’analoga misura presentata nel febbraio 2023.

Soddisfatti gli edicolanti anche se vorrebbero un intervento più audace trovando sempre maggiori difficoltà nel riuscire a vivere di soli giornali nell’epoca in cui l’informazione si è spostata su internet.

“Più volte sono stati fatti dei bandi per riammodernare le attività commerciali, dalle tende all’impianto elettrico” racconta a La Stampa Angelo De Santo, proprietario dell’edicola in piazza del Rosario, sottolineando che “mai in nessuno di questi, per via di cavilli burocratici, sono state inserite le edicole”.

Due bandi per la Lombardia: voucher digitali e incentivi per sostituzione veicoli

16 Maggio 2024

Nel mese di maggio partono due importanti bandi rivolti alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) che operano in Lombardia e che nel complesso mettono a disposizione oltre 9 milioni di euro.

Bando per la sostituzione di veicoli inquinanti delle Micro, Piccole e Medie Imprese

Da martedì 14 maggio è possibile presentare le domande per partecipare al bando della Regione Lombardia che mette a disposizione delle micro, piccole e medie imprese della Lombardia complessivi 6 milioni di euro per l’ammodernamento del parco auto.

Il bando incentiva la radiazione di un veicolo commerciale inquinante, a benzina fino ad Euro 2/II incluso o diesel fino ad Euro 5/V incluso, con conseguente acquisto, anche nella forma del leasing finanziario, in conto proprio o in conto terzi, di un nuovo veicolo a zero o bassissime emissioni.

Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di veicoli per il trasporto di persone o di merci ad alimentazione elettrica, idrogeno o endotermica a bassissime emissioni. Sarà finanziato anche l’acquisto di e-cargo bike, ossia velocipedi a pedalata assistita per il trasporto merci.

Per il 2024 è possibile presentare le domande fino alle ore 16:00 del 31 ottobre 2024. La misura è stata presentata anche per il 2025 con domande che dovranno essere presentate dalle ore 10:00 del 2 dicembre 2024 fino alle ore 16:00 del 30 settembre 2025. Per ulteriori dettagli sul voucher, sui servizi finanziati e sulle modalità di presentazione della domanda si rinvia all’Area Riservata del sito SNAG Nazionale.

Bando voucher digitali I4.0 Lombardia 2024

Dal 22 maggio sarà possibile inviare le domande per il Bando voucher digitali I4.0 Lombardia 2024 previsto da Unioncamere Lombardia, in accordo con la Regione e in continuità con il progetto PID “Doppia Transizione Digitale ed Ecologica” per il triennio 2023-2025.

La misura prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto che copre il 50% delle spese -fino ad un massimo di 10.000 euro - per l’adozione di soluzioni, prodotti e/o servizi innovativi che incentivano l’innovazione digitale e green delle imprese lombarde. L’investimento minimo richiesto è pari a 4.000 euro.

Nel complesso sono stanziati oltre 3,2 milioni di euro dirottati verso le MPMI che risiedono nelle province di Milano Monza Brianza Lodi, Brescia, Como-Lecco, Mantova, Varese, Sondrio, Cremona.

Le domande possono essere inviate fino al 15 luglio 2024, salvo chiusura anticipata. Per ulteriori dettagli sul voucher, sui servizi finanziati e sulle modalità di presentazione della domanda si rinvia all’Area Riservata del sito SNAG Nazionale.

Bando edicole Liguria. Domande dal 4 al 18 dicembre 2023

21 Novembre 2023

Sarà attivo dal 4 al 18 dicembre il nuovo bando della Regione Liguria a sostegno delle edicole, approvato in Giunta regionale su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Alessio Piana, che spiega così la misura appena varata: “Le edicole rivestono una funzione importante, non solo per una capillare diffusione dell’informazione, ma anche dal punto di vista sociale. Con questa prima misura, a cui ne seguirà una successiva a inizio nuovo anno, intendiamo, con interessanti contributi a fondo perduto a copertura del 60% delle spese effettuate, favorire un percorso di rilancio che ampli le occasioni di frequentazione di questi fondamentali presidi territoriali”.

La misura ha una dotazione di 10 mila euro che si aggiunge ai 32 mila già a suo tempo deliberati, portando la disponibilità complessiva del bando a 42 mila euro.

Le spese ammissibili, che devono raggiungere almeno la cifra di 2.500 euro, si riferiscono a progetti da avviare o avviati a partire dal 1° gennaio 2023, purché non conclusi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e riguardanti:
- opere inerenti la struttura dei punti di vendita (inclusi arredi pertinenziali)
- dotazioni informatiche per l'erogazione di servizi e informazioni (vetrine digitali, totem interattivi, touch screen, licenze software e internet)
- attrezzature, strumentazioni o macchinari utili al miglioramento e/o ampliamento dei servizi (in particolare per l'informazione turistica e logistica).

La domanda dev'essere inviata esclusivamente via PEC dall'impresa a concessioni.filse@legalmail.it oppure a mezzo di raccomandata postale.

Ulteriori informazioni sono disponibili nell'area BANDI dell'area riservata del nostro sito.

Scrittore trentenne riapre il chiosco di via Buonarroti a Milano

03 Luglio 2023

Non ci sono solo edicolanti che si arrendono alla crisi delle vendite di giornali cartacei. C’è anche chi non teme di andare controcorrente; chi crede ancora nel futuro della carta stampata e non teme di cogliere la sfida gettandosi a capofitto nel business della vendita di quotidiani e libri.

Per questo motivo ha fatto notizia la decisione di Lorenzo Scano (nella foto in alto), trentenne scrittore di noir originario di Cagliari, di riportare in vita il piccolo chiosco-edicola di via Buonarroti, a Milano.

“Inizialmente volevo aprire una libreria in società con un amico di mio padre. Poi un giorno passando per questa via ho visto l’edicola chiusa, ho chiamato il mio socio e gli ho proposto di riempirla di libri e giornali” racconta Lorenzo in un’intervista al Corriere della Sera diventata virale sui social al punto da attirare l'attenzione dei media.

Inizia così l’avventura di questo giovane che si è trasferito a Milano un paio di mesi fa e che in un mese e mezzo è riuscito a riportare in vita il chiosco, chiuso dallo scorso settembre, riempiendolo di giornali e di libri.

“Ci ho provato una prima volta a Cagliari, la mia città, con una piccola bottega dedicata ai romanzi noir, ma non è andata bene. Devo dire che l'affetto delle persone del quartiere, che ogni giorno passano a prendere un giornale o un libro, mi ha dato poi ragione. Mi ha stupito vedere quanta gente ancora si dedica e si appassiona alla lettura. C’è persino chi viene e mi regala un libro per il mercatino”, racconta a Milano Today.

In un'intervista a Tgr Lombadia Lorenzo afferma che le vendite vanno bene, c'è interesse da parte dei clienti e anche affetto: una cliente gli ha persino portato il pranzo. Nel frattempo, Lorenzo ha trovato il tempo per lavorare al suo prossimo romanzo, in uscita a gennaio 2024: sarà il romanzo d'addio a Cagliari perché poi pensa di scrivere storie ambientate a Milano, la città più cosmopolita d'Italia e che lo ha molto ispirato. Per uno scrittore che vive di storie, ammette Lorenzo, non potebbe esserci esperienza migliore che vendere libri sulla strada, a diretto contatto con i clienti.

La scelta di Lorenzo è molto simile a quella di Davide, un giovane di 21 anni che a Rubano, in provincia di Padova, ha deciso di rilevare il chiosco ubicato in centro paese impedendone la chiusura. Anche in questo caso la notizia ha avuto ampia eco con diversi articoli sulla stampa locale. Anche Davide ha deciso di ampliare la sua attività trasformando il chiosco in un centro di servizi di riferimento per il suo paese e in un punto di ritrovo sociale per i cittadini.

Sono entrambe belle storie che ci auguriamo possano essere d'ispirazione per altri giovani che intendano cogliere la sfida di un lavoro messo in crisi dal digitale ma che è indispensabile per il pluralsimo dell'informazione.  

Complimenti ad Antonio Besacchi, neo Presidente Ascom Varese

21 Aprile 2023

Antonio Besacchi è stato nominato all’unanimità Presidente di Confcommercio Ascom Varese: a lui vanno i più sinceri complimenti da parte di tutto lo SNAG.

Dal 1982 Besacchi (nella foto quarto da sinistra) è Presidente provinciale dello SNAG, l'Associazione dei giornalai aderente a Confcommercio, oltre ad aver avuto un ruolo importante nella storia dell’Associazione commercianti varesina, nella quale è entrato nel 1974 e per la quale ha ricoperto vari ruoli, ultimo in ordine di tempo quello di Vicepresidente vicario.

"Rilancio del commercio e dei centri storici. Presenza sui tavoli tecnici in materia urbanistica. Riaffermazione delle “castellanze” e massimo coinvolgimento dei settanta Comuni compresi nell’area di competenza di Ascom Varese" sono tra i principali obiettivi del suo mandato, oltre alla questione viabilità e posteggi.

Besacchi, che è titolare di un bar-tabacchi-giornali a Ghirla, prende il posto di Giorgio Angelucci (confermato all’interno dell’esecutivo), storico numero uno dell’Ascom Varese, che resterà al suo fianco nell'ambito di una nuova presidenza "all’insegna della continuità", come ha dichiarato il neoeletto Presidente.

 

 

SNAG Imperia entra in Confcommercio

08 Settembre 2022

Lo SNAG di Imperia è entrato a far parte di Confcommercio. Grazie a questa decisione, d’ora in poi gli associati della struttura SNAG di Imperia, guidata dalla presidente provinciale Tatiana Locchi, potranno beneficiare delle agevolazioni legate all’appartenenza alla Confcommercio provinciale, tra cui un’ampia gamma di servizi essenziali per la loro attività come assistenza fiscale, gestione del personale, consulenza e assistenza su credito, finanziamenti e bandi, corsi di formazione e molto altro.

Commenta il Presidente nazionale dello SNAG, Andrea Innocenti: “Sono soddisfatto per questa decisione, che va nella direzione auspicata dalla Presidenza SNAG fin dal suo insediamento. Specie in questa fase di grandi difficoltà per le edicole, è importante rafforzare il dialogo costruttivo con Confcommercio, in un’ottica di maggiore collaborazione e comunanza d’intenti, nella tutela degli interessi dei nostri associati”.

Sottolinea il Presidente provinciale della Confcommercio di Imperia Enrico Lupi: “L’ingresso dello SNAG nella nostra struttura, oltre ad essere motivo di grande soddisfazione, è la conferma della continua crescita di Confcommercio e di come la stessa sia divenuta, grazie all’impegno di tutti i suoi componenti, un punto di riferimento importante e ben radicato per tutte le imprese commerciali del territorio”.

Dice Tatiana Locchi, Presidente provinciale dello SNAG di Imperia: “Ero in precedenza presidente dello Snag provinciale e ora sono stata rieletta anche in seno alla Confcommercio e non posso che ringraziare i colleghi per la fiducia che hanno riposto nella mia persona. Ulteriore soddisfazione è dettata da questa unione fra lo SNAG e la Confcommercio, che apre alla nostra categoria la possibilità di accedere ad una serie di servizi aggiuntivi di assistenza e incrementa ulteriormente la rilevanza del nostro settore, considerato il fatto che la Confcommercio è una realtà consolidata ed un punto di riferimento per le imprese commerciali. Da parte mia non verrà mai meno l’impegno a sostegno delle esigenze della categoria”.

Salviamo l'identità delle edicole

14 Luglio 2022

Il Corriere della Sera ha pubblicato lo scorso 13 luglio un intervento del Presidente provinciale SNAG di Milano, Alessandro Rosa, volto a difendere l’identità delle edicole milanesi dal comportamento di chi vorrebbe espropriarle del loro ruolo principale, la vendita della carta stampata, trasformandole in una sorta di “chiringuito”.

Le edicole di Milano associate a SNAG offrono già molti servizi alla cittadinanza: dai certificati anagrafici alla prenotazione dei libri delle biblioteche. Il modello di sviluppo per il rilancio delle edicole passa infatti da qui, ossia dalla trasformazione delle rivendite in centri di servizio per i cittadini, in collaborazione con la Pubblica Amministrazione, in linea con quanto definito nel recente Procollo Anci-FIEG ed edicolanti, mantenendo la centralità del loro ruolo di rivendita di quotidiani e riviste.

Riportiamo di seguito l’articolo apparso sulle pagine del Corriere della Sera.

Si parla talmente tanto di crisi delle edicole che oramai i “grandi imprenditori” che vogliono salvare l’editoria eliminando i giornali per mettere biscotti, tortellini, fiori, caffè e vino…non si contano più.

Questi stessi imprenditori poi si accorgono che…non si può fare, e che con i biscotti e le acciughe non paghi nemmeno la luce!!! Poi si arrabbiano con il Comune, con la Regione, con le Associazioni, con il mercato e mai con il loro avvocato che li ha consigliati male o con sé stessi che hanno preso una grande cantonata e hanno completamente sbagliato il modello di business.

Bisogna capire che se gli edicolanti (in chiosco), in questo momento non hanno trasformato la loro attività in un chiringuito per fare pane e salame o similari…c’è un motivo.

Ci sono delle regole nel settore. Togliere i giornali per mettere su baracchini senza riferimento e identità…per poi chiuderli, vuol dire solo rovinare ancora di più tutte quelle logiche che rendono importanti il nostro settore. Mettere dei ragazzi a lavorare che durano poche settimane al lavoro, perché capiscono anche loro che non c’è futuro nel vendere il sugo in edicola, continua a sottrarre valore alla rete commerciale.

Raccontare la favola dell’importanza delle edicole per vendere poi i tortellini, vuol dire non conoscere il valore che sa esprimere un soggetto commerciale dedicato all’informazione, alla cultura e al valore sociale che questa specializzazione può offrire. Se da tre anni le edicole in Italia hanno un’agevolazione e una totale esenzione dal pagamento del canone suolo pubblico è perché anche il mondo politico ha preso coscienza di questi valori, ma certamente mettere sul banco di vendita vino e biscotti invece di un assortimento tra i 3420 titoli ( dato aggiornato al 01/07/2022 ) che oggi Milano può offrire fa solo male a Milano, al cittadino, al lettore e a tutta la filiera editoriale…non si parli più allora di crisi dell’editoria, ma di crisi di identità. Se volete comprare le edicole, siete i benvenuti, meno favole e più lavoro, ma prima di tutto fatevi delle domande e smettete di comprare edicole per chiuderle, abbiamo tanti problemi e avere imprenditori che non hanno mai letto un giornale in vita loro farsi avanti per salvare l’editoria…fa veramente ridere.

Appuntamento per recarsi all’anagrafe: a Milano puoi prenotarlo in edicola

06 Maggio 2022

Si fa sempre più stretta la collaborazione tra il Comune di Milano e le edicole grazie ad un nuovo servizio che va a rafforzare la convenzione in atto e che si muove nel solco tracciato dal Protocollo siglato da Anci, FIEG e Organizzazioni Sindacali degli edicolanti e che tende a trasformare le edicole in centri di servizi per il cittadino e a consolidare la cooperazione con le amministrazioni comunali.

I cittadini milanesi potranno infatti rivolgersi direttamente a una delle 30 edicole aderenti all’iniziativa per prendere appuntamento per l’erogazione di servizi anagrafici e di stato civile presso gli sportelli dell’amministrazione comunale, secondo le modalità attualmente assicurate tramite accesso al sito web e al call center 020202 del Comune.

L’Anagrafe di via Larga e le tredici delegazioni territoriali restano infatti accessibili solo su appuntamento, fatti salvi i casi di comprovate emergenze e categorie particolari, come caregiver, a cui viene sempre garantito accesso e assistenza. Una prassi maturata nel periodo della pandemia, che resta attualmente in vigore al fine di evitare i picchi di affluenza e le code.

Complice la pubblicazione, nel gennaio scorso, di una mappa geo-referenziata che consente ai cittadini di visualizzare in modo più agile e veloce non solo le 14 sedi anagrafiche ma anche gli esercizi commerciali convenzionati dislocati nei nove Municipi, le richieste presso gli sportelli di quartiere hanno registrato un vero e proprio boom. Durante tutto il 2021 sono stati in totale circa 72mila i cittadini che si sono rivolti a questi spazi: una cifra che potrebbe decuplicare nel corso di quest'anno considerando che solo nei primi tre mesi del 2022 si sono registrati oltre 195mila accessi.

Un segnale positivo che testimonia una proficua collaborazione fra Comune ed esercizi commerciali, come edicole, cartolibrerie e tabacchi, che già supportano i cittadini nel rilascio automatico di alcuni certificati (anagrafico, di matrimonio, di nascita, di unione civile, di cancellazione anagrafica, di cittadinanza, di contratto di convivenza, di esistenza in vita, di residenza/in convivenza, di stato civile, di stato di famiglia, di stato di famiglia con rapporti di parentela, di stato di famiglia e di stato civile, di stato libero, storico di cittadinanza, storico di residenza), e che adesso sono pronti ad aiutare coloro che hanno meno dimestichezza con la tecnologia a prendere l’appuntamento per quelle pratiche che richiedono una presenza fisica presso gli sportelli di via Larga o delle sedi decentrate, come per esempio CIE, estratti di nascita, matrimonio, decesso.

“Abbiamo deciso di mantenere l'appuntamento perché – dichiara l’assessora ai Servizi civici e Generali Gaia Romani – sebbene significhi aspettare il giorno prestabilito, una volta in sede si avrà subito il servizio senza code e senza assembramenti. Tuttavia non ci vogliamo dimenticare di tutti quei cittadini che hanno difficoltà a prenotare tramite sito e call center. In quest'ottica abbiamo colto l'occasione della collaborazione proficua con gli sportelli commerciali. Un'esperienza risultata soddisfacente sia per le edicole che per l'amministrazione, premiata anche dalle persone che, specie dopo l'emergenza pandemica e l'isolamento, hanno dimostrato di prediligere il contatto umano, in una Milano che andrà sempre più verso un modello di città a 15 minuti. Stiamo lavorando per offrire servizi sempre più efficienti e per la diminuzione delle attese, ma anche per rafforzare i presidi territoriali attraverso punti informativi e di supporto per i più fragili”.

Il nuovo servizio sarà sponsorizzato anche da una campagna di comunicazione ad hoc del Comune di Milano.

Ad Alessandria certificati anagrafici in edicola

29 Marzo 2022

Da oggi anche nelle edicole di Alessandria sarà possibile stampare i certificati anagrafici grazie a una convenzione siglata tra alcuni edicolanti e l’amministrazione comunale.

In mattinata, alla presenza del Sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, e dell’Assessore ai Servizi Demografici, Cinzia Lumiera, è stato dato il via ufficiale al nuovo servizio presso l’edicola nel sobborgo di San Michele, alle porte di Alessandria, che, insieme all’edicola di Corso Acqui, sono state le prime ad aderire all’iniziativa.

“Siamo estremamente soddisfatti per aver raggiunto questo traguardo, che avrà una valenza molto importante per i cittadini alessandrini e dei sobborghi”, ha spiegato il Sindaco. L’operazione consente inoltre di valorizzare le edicole che possono diventare punti di riferimento per la popolazione trasformandosi in “una rete di servizio territoriale”. “A piccoli passi ci avviamo verso la grande realtà della ‘Smart City’, la Città Intelligente che fornirà ai cittadini servizi digitali integrati sempre più efficienti”, ha aggiunto il primo cittadino di Alessandria.

L’assessore ai Servizi Demografici, Cinzia Lumiera, ha invece sottolineato che il coinvolgimento delle edicole, dopo quello delle tabaccherie, consente di ampliare ulteriormente la platea degli sportelli di quartiere a disposizione dei cittadini per la richiesta di certificati anagrafici snellendo le code agli uffici comunali e agevolando quindi la popolazione.


Risultati 1 - 10 su 29
Pagine: [1]   2  3  Successiva     »|
SNAG - Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai
Codice Fiscale 80108230154
Via San Vito, 24 - 20123 Milano
0286984413
0280298390
@ segreteria@snagnazionale.it

Seguici su: